Diritti

“Family Day”, ovvero contro le famiglie

A fine gennaio, in occasione della discussione in Senato (con vergognoso ritardo) della legge sulle unioni civili, tornerà il cosiddetto “Family Day”.

Non fosse disgustoso, farebbe sorridere che si chiami family day, “giornata della famiglia”, una manifestazione che ha come obiettivo quello di opporsi al riconoscimento e ai diritti di migliaia di famiglie. Perché la pretesa di voler “difendere la famiglia” (l’unica vera, naturalmente) è ridicola, sia perché non esiste un’unica famiglia, sia perché il riconoscimento dei diritti per tutte quelle famiglie che non ne hanno alcuno non limita, ovviamente, la libertà di coloro che sono già tutelati dalle leggi dello Stato.

Che esistano tanti modelli di famiglia è un dato di fatto. La cosa potrà anche non piacere, ma affermare che ci sia una sola vera famiglia non è solo discriminatorio, è proprio falso. E l’esistenza di diversi modelli di famiglia non è solo un concetto astratto: si tratta di famiglie reali, di persone reali che si vedono negati i diritti che spettano loro. E a farne le spese non sono solo gli adulti che compongono tali famiglie, ma anche quei bambini che gli integralisti sostengono ipocritamente di voler difendere.

In prima linea nella lotta contro i diritti civili, come al solito, c’è la Chiesa cattolica, quella del Papa che piace tanto a molti sedicenti laici, che continuano a citare la frase “chi sono io per giudicare un gay?”, ma ignorano, o fingono di ignorare, che la Chiesa non solo li giudica (basta leggersi il Catechismo), ma pretende di negare loro i diritti fondamentali.

Mi auguro che questa volta gli integralisti vengano ignorati e si riesca finalmente a fare un primo passo per rendere questo paese un po’ più civile, perché un paese che discrimina migliaia dei suoi cittadini sulla base del loro orientamento sessuale di certo non si può definire tale.

Sarebbe solo un primo passo, naturalmente, perché solo il matrimonio egualitario può mettere del tutto da parte le discriminazioni, ma sarebbe un passo importante per uscire dal medioevo in cui gli integralisti vorrebbero tenerci incatenati.

Advertisements

3 thoughts on ““Family Day”, ovvero contro le famiglie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...