Diritti

Le “nostre” donne

Ho letto più di una volta frasi del genere, in seguito ai gravissimi fatti di Colonia. Sembra quasi che il problema sia che gli immigrati (tutti, senza distinzione, ovviamente) hanno violato una nostra proprietà. Quel “nostre”, riferito alle donne, è specchio di una mentalità che vede la donna come subordinata all’uomo, come proprietà, e loro, gli immigrati, non ne possono disporre perché le nostre donne sono nostre. Una mentalità fin troppo diffusa anche qui nella civile e avanzata società occidentale.

Si critica la “cultura islamica” perché non ha rispetto per la donna, dimenticando che in Italia fino al 1981 esisteva il matrimonio riparatore e fino al 1996 lo stupro era considerato un delitto contro la morale.

“Voglio però che sappiate che di ogni uomo il capo è Cristo, e capo della donna è l’uomo, e capo di Cristo è Dio.” È la Bibbia, non il Corano.

Noi, fortunatamente, abbiamo leggi e una Costituzione che garantiscono uguaglianza e diritti, almeno sulla carta, ma a livello culturale c’è ancora molta strada da fare.

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...