Ateismo

Dio non è grande

Dio non è grande, diceva il titolo di un libro del compianto Christopher Hitchens. Dio non è grande, almeno se si parla del Dio delle tre più diffuse religioni monoteiste. Questo Dio, in realtà, non esiste, quindi in teoria sarebbe inutile esprimere giudizi su di esso: chi è che perde tempo a giudicare l’Unicorno Rosa Invisibile, ad esempio? Tuttavia, almeno due miliardi di persone nel mondo credono alla sua esistenza, perciò penso abbia senso parlarne.

Assumiamo, per amor di discussione, che Dio esista e che sia onnipotente come ci dicono. Eppure migliaia di persone muoiono a causa di disastri naturali come terremoti e tsunami; migliaia di bambini non arriveranno mai all’età adulta a causa di sete, fame o malattie; migliaia di bambini sono stati vittime di abusi sessuali da parte di sacerdoti, per decenni sistematicamente coperti dalla Chiesa, che si limitava a spostarli di parrocchia (dove potevano fare nuove vittime); milioni di ebrei, zingari, omosessuali sono stati uccisi nei campi di sterminio nazisti. Si tratta solamente di pochi esempi, e se ne potrebbero trovare molti altri. Siccome per ipotesi Dio potrebbe evitare tutto questo, è evidente che non gli interessa farlo. Se si parla di malattie e disastri naturali, inoltre, non può nemmeno essere invocato il “jolly” del “libero arbitrio”: impedire questi non limiterebbe in alcun modo la libertà di scelta dell’uomo.

Si potrebbe dire che Dio (per qualsivoglia ragione) non interviene direttamente nelle faccende umane, che il disegno di Dio è misterioso, e così via: quando non ci si deve confrontare con la realtà, si può sostenere qualunque cosa e dire che è questione di fede. Tuttavia, non mi pare che questa sia una ragione valida per sospendere il giudizio etico su un essere che potrebbe impedire enormi tragedie e non lo fa: quali valide ragioni possono esserci per permettere che a un bambino venga il cancro, quando lo si potrebbe impedire? Per quanto mi riguarda, tutto ciò sarebbe più che sufficiente per ritenere questo Dio indegno di venerazione, se credessi alla sua esistenza.

Ma non basta. Nessuna delle religioni, che dicono di interpretare la volontà di Dio, ha mai prodotto qualcosa che si avvicini anche solo lontanamente alla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. La dignità di tutti gli esseri umani in quanto tali, la libertà di espressione, il rifiuto delle discriminazioni, sono tutti concetti che non appartengono a questo presunto Dio, che sembra più interessato a ciò che facciamo con i nostri organi genitali e al fatto che crediamo o meno in lui.

Siamo solo una specie di primati evoluti su un granello di polvere cosmico, eppure, quando smettiamo di ammazzarci a vicenda (magari proprio nel nome di Dio) sappiamo fare di meglio di un presunto essere onnipotente e onnisciente.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...