Religione · Varie

L’indegna imposizione del velo e dei pantaloni per le hostess sui voli per Teheran

Il prossimo 17 aprile, Air France riprenderà dopo otto anni i voli verso Teheran, in seguito all’accordo sul nucleare con l’Iran dello scorso anno e l’eliminazione delle sanzioni internazionali. Ma sta suscitando polemiche la decisione di imporre alle hostess di coprire i capelli con un velo non appena fuori dall’aereo. Inoltre, mentre normalmente c’è la possibilità di scegliere tra la gonna e i pantaloni, alle assistenti di volo viene richiesto di indossare una giacca lunga e i pantaloni sui voli per Teheran. Più precisamente, l’obiezione da parte delle hostess non è al fatto di indossare il velo fuori dall’uniforme una volta in Iran, ma che il velo sia imposto come parte dell’uniforme. Le hostess chiedono di poter scegliere di essere esentate dal servizio, senza per questo avere ripercussioni negative sullo stipendio o la carriera.

Air France si giustifica sostenendo che il rispetto per le tradizioni dei paesi che serve con i suoi voli è parte dei valori della compagnia. Viene da chiedersi se questi valori comprendano anche il rispetto della dignità delle donne che per la compagnia lavorano. Imporre alle proprie dipendenti di coprire i capelli e di vestirsi in un certo modo per rispettare le tradizioni misogine e integraliste altrui è indegno e inaccettabile in un paese laico.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...