Religione

La grande rivoluzione del papa sulla famiglia

A guardare i siti web di laicissimi giornali come La Repubblica, La Stampa o il Corriere della Sera, con titoloni ed enormi immagini del papa, sembrerebbe che l’uomo immagine ed esperto di marketing Francesco abbia fatto una vera rivoluzione a proposito della famiglia. Poi uno va a leggere l’articolo a proposito dell’esortazione Amoris Laetitia, ad esempio sul Corriere, e scopre che “la dottrina della Chiesa viene richiamata e riaffermata nel testo”. Nessuna apertura alla doverosa equiparazione dei diritti delle persone omosessuali. No al cosiddetto “utero in affitto” e all'”ideologia gender”, che non esiste, ma fa lo stesso. No alla contraccezione.

E quindi, cos’è tutto questo rumore? Qual è la grande rivoluzione? La grande apertura, sostanzialmente, sarebbe la possibilità, forse, in alcuni casi, magari, a volte di concedere la comunione alle persone divorziate e risposate. Mentre a milioni di persone sono negati diritti fondamentali, anche per colpa della Chiesa che predica contro il riconoscimento delle unioni omosessuali, l’aborto, la contraccezione, la ricerca scientifica sugli embrioni, ecc., c’è chi si esalta perché ai divorziati potrebbe essere concesso di partecipare al rito magico cattolico. Oltre a questo, ci sono affermazioni clamorose come “In nessun modo possiamo intendere la dimensione erotica dell’amore come un male permesso […] bensì come dono di Dio che abbellisce l’incontro tra gli sposi”. Solo tra gli sposi, mi raccomando, non sia mai che si scopi al di fuori del matrimonio. E che dire, poi, del “sì” all’educazione sessuale? Una grande rivoluzione, non fosse che viene spontaneo chiedersi che tipo di educazione sessuale sia quella che esclude a priori la contraccezione. Non sono un esperto di medioevo, ma immagino che un migliaio di anni fa queste affermazioni avrebbero potuto essere definite effettivamente rivoluzionarie. Di certo non lo sono nel terzo millennio. Trovo tutto questo entusiasmo francamente penoso.

Infine, c’è una domanda ovvia che però in pochi faranno, almeno a livello dei media mainstream: per quale ragione dovrebbe interessarci l’opinione sulla famiglia e sul sesso del capo di un’associazione composta da persone che (almeno in teoria) hanno rinunciato a entrambi e non hanno alcuna competenza in merito?

 

Annunci

2 thoughts on “La grande rivoluzione del papa sulla famiglia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...