Libertà · Religione

Scrittore giordano ucciso da un imam per aver condiviso una vignetta

Nahed Hattar, giornalista e scrittore giordano, è stato assassinato da un imam per aver condiviso una vignetta satirica con l’intento di prendere in giro la visione di dio e del paradiso dei jihadisti del sedicente Stato Islamico. Hattar si stava recando in tribunale per rispondere dell’accusa di vilipendio proprio per aver condiviso quella vignetta. Lo… Continue reading Scrittore giordano ucciso da un imam per aver condiviso una vignetta

Libertà · Religione

I blogger atei uccisi in Bangladesh “se la sono andata a cercare”

Qualche giorno fa avevo scritto un post a proposito del blogger ateo ucciso in Bangladesh da estremisti islamici. È solo l’ultimo di una serie di omicidi contro persone che hanno osato promuovere il laicismo e criticare la religione su internet. La risposta del governo? Incolpare le vittime! Invece di prendere provvedimenti per garantire la sicurezza… Continue reading I blogger atei uccisi in Bangladesh “se la sono andata a cercare”

Ateismo · Religione

Un altro blogger ateo ucciso in Bangladesh

In Bangladesh continuano gli omicidi di blogger e attivisti laici e atei da parte degli estremisti islamici. L’uccisione di Nazimuddin Samad è solo l’ultima di una lunga serie nel paese asiatico, in cui può costare la vita esercitare il diritto alla libertà di espressione e di critica nei confronti della religione. L’anno scorso almeno altre… Continue reading Un altro blogger ateo ucciso in Bangladesh

Ateismo · Religione

Non rispetto la religione

C’è questa idea diffusa che la religione andrebbe rispettata a prescindere. La ritengo un’idea sbagliata e pericolosa. Io non rispetto la religione. Ritengo la religione una sciagura per l’umanità. Nei paesi civili, viene spesso usata come strumento per tentare di negare i diritti alle persone, in quelli meno civili viene usata come pretesto per ammazzare… Continue reading Non rispetto la religione

Diritti · Libertà · Religione

Charlie Hebdo, un anno dopo ancora (ridicole) polemiche

Vescovi e musulmani francesi contestano la copertina del numero speciale di Charlie Hebdo, in uscita a un anno dalla strage compiuta in nome di un dio (Allah) da alcuni fondamentalisti religiosi (in questo specifico caso islamici). L’immagine mostra un dio sporco di sangue, con un Kalashnikov sulle spalle e la didascalia 1 an après l’assassin… Continue reading Charlie Hebdo, un anno dopo ancora (ridicole) polemiche